Sebastiano Riso al CineCocktail: “Fischi e comportamento da stadio nei festival sono inaccettabili”


Si è svolto ieri l’appuntamento veneziano dei CineCocktail incontri ravvicinati del miglior tipo: cinema, cocktail e chiacchiere in libertà ideati e condotti da Claudia Catalli

Articolo di Mirna Rossi 

Al centro dell’incontro, svoltosi in collaborazione con Cybex nello Spazio Fondazione Ente dello Spettacolo, il film-caso della Mostra: Una famiglia di Sebastiano Riso.
Il suo protagonista, il cantante e attore francese Patrick Bruel, si è concesso alle domande del pubblico e ha rivelato: “Mi è stato affidato il personaggio più oscuro e complesso di tutta la mia carriera. Sono contento di essere stato scelto per un ruolo che mi ha permesso di mettermi alla prova lavorando a lungo su me stesso. Per entrare nel ruolo ho immaginato questo personaggio come un uomo che vede nei figli un pericolo per la coppia. Ho provato a non giudicarlo, a non pensare a come avrei agito io al suo posto. Con un personaggio così controverso non è stato semplice”.
Ospite di CineCocktail anche il regista Sebastiano Riso, che ha dichiarato: “Questo film non parla di uteri in affitto, ma di una coppia legata in maniera viscerale. Una coppia che conduce un business terribile, la vendita illegale dei figli. Il tema è tratto da una realtà purtroppo radicata in Italia, abbiamo condotto molte ricerche al riguardo. Ovviamente abbiamo alleggerito l’approccio per dare un senso poetico alla storia, non volevamo fare un film d’inchiesta”.

Tanti i temi sviscerati tra un cocktail e l’altro: “L’omosessualità com’è raccontata in Italia è insopportabile – continua Riso – perché trasuda di finto perbenismo e omofobia: la realtà è che esistono persone, il loro orientamento è un discorso a parte. Persone che si amano. E che magari vogliono avere un figlio. Il mio film pone una domanda: che cos’è una famiglia? Una donna sola con il suo bambino, come nel manifesto, o due papà che vogliono diventare genitori, sono una famiglia?”. Non poteva mancare una domanda sulle reazioni di stampa e pubblico in queste giornate di Venezia: “Un film è sempre frutto di un lavoro complessivo. Ormai ai festival si ha la malsana abitudine di vederlo con l’atteggiamento di un cecchino pronto a sparare lì dove è possibile”, conclude Riso riferendosi anche alla bordata di fischi che ha accompagnato l’anteprima di Mother di Darren Aronofsky: “Dovremmo concordare tutti nel ritenere l’accanimento, i fischi e il comportamento da stadio nei festival del tutto inaccettabili”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *