Grande festa per l’Avis


Ha presentato la serata Anthony Peth, autore, regista e conduttore televisivo

Articolo di Anna Farcito

Migliaia di persone presenti domenica scorsa in piazza della Libertà per festeggiare il compleanno dell’Avis. La manifestazione è stata aperta nei locali della sede Avis in via Sassari dove i volontari hanno offerto la colazione. Successivamente si è formato un corteo aperto dai bambini delle scuole elementari che indossavano le magliette dell’Avis e sventolavano i palloncini colorati, seguito dai labari delle associazioni e dalle ambulanze. Una volta arrivati nella chiesa di N.S. di Paulis, don Gianni Nieddu ha celebrato la santa messa. Il cuore della manifestazione si è tenuto poi nella piazza della libertà, durante la premiazione dei donatori di sangue con le medaglie da quelle in rame a quelle in oro con rubino. In quell’occasione hanno preso la parola il presidente dell’Avis di Uri Antonio Dettori, il sindaco Lucia Cirroni, il presidente dell’Avis Regionale Antonello Carta il presidente provinciale Vincenzo Dore e il direttore sanitario Emanuela Meloni. Infine sono stati consegnati ai rappresentanti delle associazioni e alle autorità predenti le rappresentazioni realizzate dai bambini delle scuole elementari di Uri, come ricordo della giornata. Dopo il pranzo organizzato dalla Pro Loco di Uri accompagnato dal vino donato dall’associazione “Amici del Vino di Uri”, si è entrati nel vivo della manifestazione musicale. Per la prima volta in Sardegna, dopo aver girato il mondo, ha presentato la serata a Uri, insieme alla sua gente, ai suoi amici Anthony Peth, autore, regista e conduttore televisivo. Numerosi i gruppi che si sono esibiti e che hanno allietato il folto pubblico. Sul palco i cantautori Gian Mario Virdis, Luca Tilocca e Gianni Carboni, gli artisti Quinto Zedda, Matteo Petretto, i cugini di Amedeo, i Gruppi folk di Uri e di Santa Rughe, I 4 vecchi bastardi, inoltre la straordinaria partecipazione di Veronica Liberati, direttamente dal programma di Rai Uno “Ti lascio una canzone”. È stata proprio Veronica a realizzare il sogno di Matteo, cantare il duetto “vattene amore”; attimi commoventi durante la loro esibizione e soprattutto durante la sorpresa che ha fatto Matteo a Veronica, la lettura di una poesia dedicata a lei. Serata all’insegna del divertimento e alla solidarietà considerato che tutti hanno offerto gratuitamente le loro capacità e maestrie, conclusa con i canti sardi logudoresi che faceva gli onori di casa Diego Manconi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *