Gli anziani soffrono la solitudine


Abbandonati dalla società e dalle famiglie


Articolo di Desirè Sara Serventi

o-ANZIANI-facebook-755x491

Rimangono solo i ricordi, agli anziani, ad accompagnare le lunghe e solitarie giornate nella speranza che qualcuno varchi la porta di casa per chiacchierare e star loro accanto. Compagnia ecco quello che chiedono, la stessa che loro hanno dato a suo tempo.  Anello debole di una società che li ha fatti fuori e da delle famiglie che pare proprio non interessi un bel niente di quello che loro devono passare. Solitudine ecco la parola che con tristezza hanno dovuto imparare il significato. Si grida allo scandalo se un animale viene abbandonato, perché considerato, ovviamente, un essere indifeso, ma lascia indifferenti la notizia che dei poveri anziani si trovano a dover stare da soli, perché le famiglie considerano loro più dei pesi, con cui non aver nessun interesse in comune.  Vengono spesso affidati alle cure dei badanti e fin qui niente da ridire se non fosse che, spesso e volentieri questi sono degli stranieri che conoscono poco la lingua italiana. Sembra però, questo, non essere un requisito fondamentale per chi vuole consegnare il carico a qualcun altro. Allora via alla solitudine verbale, data da una mancata comunicazione, con chi invece dovrebbe stimolare l’anziano nelle conversazioni. Un anziano deve essere paragonato a un bambino, che ha bisogno di cure. Non apprezzano sentirsi inutili, perché loro hanno ancora tanto da insegnare e ciò non viene da un titolo di studio, ma proviene direttamente dal bagaglio delle loro esperienze. Non tutti hanno la fortuna di avere una pensione o un sostentamento economico che permetta loro di pagare una persona che si prenda cura di loro e, quindi, alla solitudine si aggiunge la povertà. Non avere la possibilità di acquistare il cibo o essere impossibilitati a uscire di casa rende la situazione della persona ancora più invalidante. L’anziano nella condizione d’isolamento si trova, a volte, a dover fare i conti con la depressione. Se certi familiari hanno degli atteggiamenti insulti, fortunatamente in giro c’è tanta gente che, pur se tanto impegnata riesce a trovare il tempo da trascorrere con i loro anziani e, da questi, che si deve prendere esempio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *