Intervista all’attrice Martina Menichini


Attualmente è in scena con lo spettacolo teatrale Quattro donne e un bagno


Intervista di Desirè Sara Serventi

12805889_10153576367614403_5228778668047858294_n

E’ un’artista versatile la speaker radiofonica, conduttrice, ex atleta di nuoto sincronizzato, ginnasta di tessuti aerei, insegnante oro di danza del ventre, l’attrice Martina Menichini. Attualmente è impegnata in teatro con la commedia “Quattro donne e un bagno” di Salvatore Scirè.

Qual è la tua formazione artistica?
Ho iniziato a studiare di sera in un piccolo corso teatrale monosettimanale, poi ho deciso di perfezionarmi. Sono diplomata in doppiaggio, all’Actor’s House e sono partita a Londra per studiare Shakespeare alla Central School of Speech and Drama, e ho seguito molti stages con i coach americani. Non bisogna mai smettere di arricchirsi.

Il tuo esordio nel mondo della recitazione è stato nel nel cinema?
Sì un’emozione incredibile quando ho ricevuto la telefonata in cui ero stata presa nel cast del film “ Nient’altro che noi” di Angelo Antonucci,l’inizio della mia passione per questo lavoro.

Dal cinema passi alla televisione. Quali differenze hai trovato?
Molte differenze, la televisione ha dei tempi più ritmici rispetto al cinema. Io pur amando di più il grande schermo mi sono ritrovata quasi sempre nel piccolo, come conduttrice. L’ho fatto molto volentieri, anche perché mi viene facile intrattenere con la mia parlantina.

Quali programmi ti piacerebbe condurre?
Mi vedo bene a condurre programmi gossippari, simpatici, da sfottò. Il mio amore però è rivolto ai film, in particolare le commedie.

Hai condotto Sky meteo?
Un’esperienza formativa, mi ha fatto crescere. Ho capito a soli 20 anni cosa significa stare nell’ingranaggio televisivo, mi ha lasciato una forte autostima e sicurezza nelle mie capacità.

Attrice, conduttrice, cantante o ballerina?
L’attrice, perché posso essere sempre una Martina diversa, vivere più vite in una sola. Mi piace davvero sperimentarmi.

Per voi emergenti quanto è importante il cinema indipendente?
Non lo so, anche nel cinema indipendente ci sono dinamiche di raccomandazione. In linea di massimo potrebbe essere di aiuto, ma personalmente non ho trovato particolare beneficio.

Il tuo parere sui casting?
Sono fondamentali, dovrebbero essere fatti per tutti, partendo tutti dalla stessa posizione.

E’ difficile emergere nel mondo dello spettacolo?
Difficilissimo, è importante avere dietro una persona che curi la tua immagine e che creda totalmente in te stessa.

Tra teatro, cinema e televisione, dove preferisci lavorare?
Sono un’artista completa, amo tutta l’arte. I miei due obiettivi sono Hollywood e Broadway con un musical. Quindi sia grande schermo che teatro.

In quali ruoli prediligi recitare?
Mi sto scoprendo simpatica, comica e per ora mi piace questa veste. Amo però non fossilizzarmi su un solo genere, il bello di essere un’attrice è quello di spaziare.

Attualmente in cosa sei impegnata?
Sono a teatro fino al 27 marzo al Testaccio con la commedia “Quattro donne e un bagno” di Salvatore Scirè. Saremo anche in giro per l’Italia, la prima tappa è Napoli!

Progetti?
Ne ho tanti. Un progetto di lunga scala internazionale sia teatrale che non, ma ancora non li posso svelare, sorpresa.

Vuoi aggiungere altro?
Potete seguirmi in diretta Radio su Radiobimbo e sulla mia pagina ufficiale facebook.com/martinamenichinipagina

 Sledet.com le fa un in bocca al lupo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *