L’olio di palma fa male alla salute e distrugge l’ambiente


Le multinazionali hanno fiutato nell’olio di palma la possibilità di un immenso business

Articolo inviato e scritto da Naturalmente Crudo di Laura Fiandra e Marina Pucello

12583695_10208462541511677_2024115189_n

L’olio di palma ormai è risaputo, fa male alla salute e distrugge l’ambiente, ma allora perché è così diffuso?

Le multinazionali hanno fiutato la possibilità di un immenso business, quello di poter abbattere gli alti costi degli oli pregiati, grazie ad un olio, quale appunto l’olio di palma, molto economico, meno delicato rispetto ad altri e dotato perciò di una forte resistenza alle temperature e al sole, ideale per la conservazione dei cibi confezionati.

L’olio di palma lo troviamo infatti dappertutto, nel pane bianco, nei biscotti, nei crackers , in creme al cioccolato e alla nocciola , merendine, prodotti industriali, pizze surgelate!

Spesso si cela dietro la dicitura rassicurante di “olio vegetale” o “grassi vegetali”.

Esistono tre tipi di olii di palma, l’olio di palma grezzo, l’olio di palmistro e l’olio di palma raffinato.

Il primo, che si ricava dai frutti della palma, dal colore rosso arancio, per il 50% è ricco di acidi grassi saturi, presenti anche nelle carni e nei grassi animali, e quindi dannosi, ma per il rimanente 50% è costituito anche di carotenoidi, antiossidanti e di vitamina E, caratteristiche che lo renderebbero meno rischioso per la salute. Quello però che viene usato nei nostri prodotti è quello raffinato, quindi privato del 50% sano, facendolo così diventare un alimento esclusivamente tossico. Esso infatti causa problemi cardiovascolari, innalza il colesterolo cattivo nel sangue, favorisce l’arteriosclerosi, l’obesità, il diabete e alcuni tumori.

Anche riguardo all’ambiente i danni sono tantissimi!

L’olio di palma si ricava dall’omonimo arbusto originario dell’Africa, ma la sua enorme richiesta ha ormai portato ad una coltivazione intensiva che ha gradualmente devastato anche intere foreste dell’Indonesia e della Malesia.

Tale deforestazione ha recato un grave danno a livello climatico, e un impoverimento dei piccoli produttori locali, con conseguente scomparsa di specie animali e vegetali rare.

A causa di ciò si prevede che le foreste indonesiane scompariranno entro il 2020…

La crudeltà e l’indifferenza per la salute nostra e del pianeta, la “nostra casa”, sono ferite enormi ma, ricordiamoci che ognuno di noi può fare tantissimo con le sue scelte!

Ogni gesto conta !

Quindi boicottiamo i prodotti con l’olio di palma, per il bene della nostra salute e di quella del pianeta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *