La grintosa conduttrice Maura Carotti


Per lei la formazione nel mondo della conduzione, proviene da tanta gavetta


Intervista di Desirè Sara Serventi

foto1

E’ una conduttrice simpatica, preparata e con una spiccata proprietà nel linguaggio, l’esuberante Maura Carotti. La sua formazione nell’ambito della conduzione proviene da tanta gavetta, associata ad un talento di base. Impegnata nel progetto “Fashion Vanity Revolution” che la vede protagonista nel lancio della sua sfilata, che si terrà in occasione del suo compleanno, e che per lei rappresenta una rivoluzione e una rinascita.

Se ti chiedessi di raccontarti, cosa mi diresti?
Di me posso dire molte cose. Posso dire che sono una professionista del mio settore, che sono pignola, precisa e seria. Poi la vita privata è un altra cosa, ma come cantava una grande artista “siamo così dolcemente complicate”.

Racconti il tuo esordio nel mondo dello spettacolo?
Racconto sempre che fui notata durante una serata dove stavo cantando, e veramente andò cosi; ma la cosa bella è che non essendo figlia d’arte per me la tv era soltanto un elettrodomestico che stava in salone. Per me fu bellissimo, fu un cammino straordinario.

Qual è stata la tua formazione nel mondo della conduzione?
La mia formazione è stata la gavetta. Non esistevano scuole che insegnassero a fare il conduttore, e quando fui scelta non venivo assolutamente da questo mondo ed ero per giunta giovanissima. La gavetta unita ad un talento che avevo, ha fatto si che ancora oggi possa fare il mio lavoro con successo e stima da parte di tutti.

Quanto è difficile emergere in questo settore?
Molto, moltissimo. Specialmente oggi dove si pensa che fare l’artista equivalga ad esserlo. Ma c’è una sostanziale differenza, che molti sottovalutano. Essere un artista vuol dire fare sacrifici, gavetta e tanto impegno, non basta ricorrere alle conoscenze o alle raccomandazioni.

Qual è la caratteristica che dovrebbe avere una conduttrice per fare la differenza?
Una conduttrice con la C maiuscola si vede da tante piccole cose. Ma quello che contraddistingue sicuramente è la simpatia e la proprietà di linguaggio. Credo siano quelle due “chicche” che fanno davvero la differenza.

Sei selettiva riguardo ai format che ti si propone di condurre?
Molto, prima di ogni manifestazione valuto cosa devo fare e che tipo di prodotto vado a fare. Non sono abituata ad andare per soldi o per fama. Io sposo progetti fatti bene, di qualità e di spessore.

A tuo parere il web aiuta coloro che vogliono fare spettacolo?
Il web da una grande mano a chi vuole fare o già fa il nostro lavoro, ci permette di arrivare ad un pubblico sempre maggiore. Ma cosa da non sottovalutare è che il web da anche la possibilità di sperimentare cose nuove e ci fa avere subito il parere degli altri. Si gioca sull’immediatezza del feedback da parte del pubblico, insomma possono diventare “le prove generali” di qualsiasi progetto.

Sarai protagonista nel lancio della tua sfilata che sarà in occasione del tuo compleanno?
Il mio progetto “Fashion Vanity Revolution” è la mia rivoluzione, la mia rinascita. Quest’anno ho combattuto due guerre importanti e sono risorta, come una fenice, perché non mi sono lasciata abbattere e ora sono tornata più forte che mai. Il dolore si può combattere, anche da soli si può tornare a vivere. E io lo so bene. Ed ecco perché la faremo il giorno del mio 37esimo compleanno.

Chi lavora al tuo fianco?
Al mio fianco lavora incessantemente una grande amica e professionista, il mio addetto stampa Laura Gorini, e il mio look maker Giovanni Bilello, anche lui amico di sempre. Sono due persone meravigliose che mi seguono e mi sostengono in ogni cosa che faccio. Di loro amo il cuore e la dedizione che mettono nel fare il loro lavoro.

Progetti?
Dopo la mia sfilata ci sarà un bel progetto al quale sto parallelamente lavorando già da un po’ e sarà una cosa inaspettata per molti. Poi ho una campagna per la salute delle donne alla quale tengo molto. Insomma ci diamo da fare e non ci fermiamo mai.

Vuoi aggiungere altro?
Innanzitutto ringrazio sledet.com e tutti i lettori e poi un messaggio rivolto un po’ a tutti. Ricordate che anche in questo momento difficile che stiamo vivendo, anche se i problemi ci affliggono, anche se tutto ci rema contro, la serenità è proprio li accanto a noi, bisogna solo saperla cercare nel posto giusto. Purché non si dimentichi che è li, vicino a noi. Un abbraccio che sa di casa, a tutti.

Durante l’intervista sono emerse nella conduttrice il talento, la grinta, la determinazione, la simpatia e il tutto in modo naturale. Sledet.com le fa i complimenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *